limiti

Vedere è un regalo, osservare è una predisposizione, guardare è una virtù. 

Da quando siamo al mondo abbiamo il dono di vedere, alcuni meno fortunati, non lo ricevono, altri lo perdono, altri ancora addirittura ringraziano di non averlo avuto (loro hanno altri occhi per guardare).

Io spero di averlo fino alla fine dei miei giorni. Anche se è lo stato superficiale e di default dal quale partire, vedere quel che abbiamo, quel che ci circonda per me è prezioso quanto la vita. Tant’è che la natura mi ha regalato e allo stesso tempo condizionato a pensare vedendo. La mia memoria fotografica mi aiuta e mi limita, le associazioni di immagini sono la mia salvezza e la mia schiavitù.

Osservare è qualcosa che prediligo, che mi riempie, a volte penso anche di farlo troppo, rischiando di sviluppare una tendenza un pò malata che a volte mi fa dimenticare me. Ma allo stesso tempo è un orgoglio che difendo, capita spesso di non vedermi non aprire bocca durante una discussione, chi mi conosce, sa che sto semplicemente osservando…

Guardare è un piacevole allenamento, un esercizio a volte stancante, altre entusiasmante. Lo facciamo? Siamo davvero presi, attenti a guardare? O finiamo spesso nella trappola del sol vedere? Sarebbe interessante già passare per lo stato osservativo per arrivare poi a guardare; alcuni credono almeno di osservare e poi finiscono per pensare solo a come essere visti. Oggi esser visti è molto più importante, più ambito del guardare. D’altronde chi di noi osserva prima se stesso per comprendere se ci si può permettere di guardare?

E’ un gioco sottile come potete vedere, a volte anche lungo e complicato, ma il nostro tempo è davvero così prezioso da non fermarsi ogni tanto a guardare?